La Versilia

Mare della Versilia

Forte dei Marmi

Forte dei Marmi è uno dei luoghi simbolo di tutta la Toscana. Il suo territorio si estende per 9 kmq e confina con il comune di Pietrasanta ed è una rinomata località di villeggiatura. In particolare, Forte dei Marmi è legato al turismo mondano che dall’Ottocento contribuì fortemente al suo sviluppo come località di divertimento.

Di fondazione recente, la città iniziò a popolarsi grazie al commercio del marmo nel XVI secolo, quando Papa Leone X incaricò a Michelangelo la costruzione di una strada per il trasporto del marmo dalle Apuane fino al mare. Nel 1788 venne costruito il Forte da cui la città prende il nome. Simbolo della città, “Il Fortino” fu costruito da Leopoldo I per proteggere l’area e promuoverne l’insediamento urbano. All’inizio il Fortino fu utilizzato anche come rimessa dei pregiati marmi provenienti dalle Apuane ed in attesa di imbarco. Oggi è il monumento più importante, posto al centro del paese e sede del Museo della Satira e della Caricatura, istituzione unica nel suo genere. Il museo rappresenta a livello mondiale un centro di raccolta e studio sulla satira e la caricatura. La collezione comprende disegni originali, una biblioteca, una videoteca ed un archivio multimediale.

Altra attrazione della città, nei pressi della spiaggia, è inoltre il Pontile, usato in passato per il carico e scarico dei blocchi di marmo: costruito in cemento armato e lungo 275 metri, oggi offre uno scorcio inusuale della terraferma, con un panorama che abbraccia la costa da Massa a Viareggio.

Interessante anche il municipio di Forte dei Marmi, in Piazza Dante: una struttura dell’epoca fascista, caratterizzata da una tipica forma a "M", in onore di Mussolini; di fronte si trova un bel giardino all’italiana nel parco della Rimembranza. Risale invece agli anni venti del secolo scorso la chiesa dedicata a San Francesco affacciata sulla piazza principale.

In giro per la città ci sono anche diverse statue e monumenti, come alcune sculture di Arturo Dazzi. In via Matteo Civitali, troviamo poi il Museo d’arte Ugo Guidi, con circa 600 tra sculture, disegni e tempere.

Ma Forte dei Marmi è famosa anche per lo shopping di lusso: tra Piazza Garibaldi, Via Roma, Via Mazzini e Piazza Dante, vi è infatti un’ampia scelta di negozi che propongono lei migliori marche italiane e straniere, dall’abbigliamento ai gioielli, dagli accessori alle calzature. A questo si associa anche una vita notturna movimentata e mondana, con la più famosa e rinomata discoteca d’Italia, la Capannina, inaugurata nel 1929 e ancora in attività.

Da vedere anche il quartiere “Roma Imperiale”, con le sue antiche Ville nobiliari, fra le quali Villa Agnelli, Villa Antonietta e Casa Mann Borghese. A Vittoria Apuana si trova invece Villa Bertelli, una delle più apprezzate attrazioni di Forte dei Marmi. Costruita a fine Ottocento come sede di una società che produceva mine esplodenti per uso bellico, venne convertita in albergo alla fine degli anni '20, chiudendo poi nel 1971. Dopo decenni di abbandono, l'edificio è stato acquisito dal comune di Forte dei Marmi che, dopo averlo restaurato, l’ha aperta al pubblico.
La Versilia

Massarosa

Massarosa si trova nella parte settentrionale della Versilia, nei pressi del lago di Massaciuccoli. Fu un insediamento etrusco e Romano. Dal XIV secolo passò sotto il controllo di Lucca, di cui seguì le sorti fino all’Unità d’Italia.

Il territorio è caratterizzato da numerose ville signorili risalenti al XVI e XIX secolo. La più famosa è Villa Baldini, edificio neoclassico, dimora forzata di Paolina Bonaparte nei cento giorni di prigionia che dovette soffrire nel 1815.

Nei dintorni, a Elici troviamo la pieve romanica di San Pantaleone, posta lungo l’antico tracciato della Via Francigena e Montramito, sede di un castello scomparso. Il lago di Massaciuccoli poi, fa parte del Parco Naturale di Migliarino, dove sono possibili suggestive passeggiate tra i canneti.

I borghi nel comune di Massarosa sono caratterizzati da edifici medievali e antiche chiese e ville. Nella parte settentrionale del territorio si trovano Corsanico, bel borgo con stupende viste sul Mar Tirreno e la pieve di San Michele; Mommio, un caratteristico borgo medievale e Bargecchia, con la chiesa di San Martino di origine romanica. Tutta quest’area è coperta di olivi centenari che sono il vero simbolo del comune di Massarosa.
Marmo

Pietrasanta

Pietrasanta si estende tra le Alpi Apuane e il mare. Sorse nel XIII secolo e il passaggio della Via Francigena contribuì allo sviluppo del borgo e numerosi sono gli edifici religiosi, primo fra tutti il Duomo di San Martino del XIV secolo, ricco di marmi e affreschi, in stile romanico, che si affaccia sulla piazza principale, insieme al battistero di San Giacinto, il complesso di Sant’Agostino, il monastero di S. Leone, le chiese di S. Biagio, di S. Nicola di Sala, di S. Francesco e infine Palazzo Moroni, sede del Museo Archeologico.

Pietrasanta è dominata dalla Rocca di Sala, che svetta sul centro storico. In epoca recente la città è diventata famosa per le sculture di Botero che fanno bella mostra nelle sue strade.

Sulle colline, troviamo le pievi di Valdicastello e di Vallecchia, due gioielli della cristianità. Sempre a Valdicastello, nacque il Carducci e la sua casa natale è oggi un museo, mentre Capezzano Monte e Capriglia sono altri borghi caratteristici.

Marina di Pietrasanta infine è al centro della Versilia con le sue spiagge sabbiose e l’offerta di divertimento notturno.

A Marina di Pietrasanta si trova una splendida pineta conosciuta come la Versiliana. Villa Versiliana è una residenza di fine 800 e nasce come tenuta signorile dei marchesi Ginori Lisci che vi costruirono la grande villa centrale. Oggi il terreno attorno alla residenza è un parco pubblico al cui interno vengono organizzate tutto l’anno iniziative culturali. La pineta che circonda La Versiliana è conosciuta anche per aver ospitato il poeta e scrittore italiano del novecento Gabriele D’Annunzio. Arte e cultura dominano sia l’interno che l’esterno del complesso. Nel parco si tengono moltissimi appuntamenti del Caffè della Versiliana. Anche i bambini possono vivere esperienze ricche e creative grazie alle attività della “Versiliana dei Piccoli” che organizza laboratori artistici e percorsi didattici rivolti ai bambini. Fulcro del parco è il teatro che ogni estate si anima con il Festival della Versiliana. La manifestazione prevede un ricco calendario di eventi serali legati alla danza, alla musica e al teatro.

Seravezza

Seravezza è posto in territorio montagnoso, ai piedi delle Alpi Apuane. Il borgo medievale nacque per l’attività di estrazione e lavorazione del marmo e il marmo caratterizza ancora oggi il paese, con le cave del monte Altissimo e il duomo dei Santi Lorenzo e Barbara, del XVI secolo. Il palazzo mediceo, fortezza a controllo delle cave marmifere, fu voluto da Cosimo I. Oggi è sede del Museo del Lavoro e delle Tradizioni della Versilia storica.
Numerose sono le frazioni, tra le quali Azzano, con l’antica Pieve della Cappella, posta lungo l’antica strada che portava a Stazzema e alla Garfagnana, Corvaia, Basati, Riomagno, Querceta e Ripa.

Stazzema

Stazzema è il più alto paese della Versilia, posto ai piedi delle Alpi Apuane. Appena fuori dal centro si trova la chiesa di Santa Maria Assunta, antica pieve del IX secolo. Nel borgo si trovano invece la Torre dell’orologio realizzata nel 1739 e la Fontana Carraia del XVI secolo. Il santuario della Madonna del Piastraio sorge in un bosco ed è un’interessante costruzione del XVII secolo. A nord si trova invece la chiesa di Maria Santissima delle Nevi.

Molte sono le frazioni, frequentate soprattutto per i numerosi percorsi trekking che salgono verso le Apuane: Pruno, Cardoso, Terrinca, Levigliani e altre. Da visitare Sant’Anna di Stazzema con il museo ossario, sede di feroce eccidio nazifascista.

Torre del Lago Puccini

Torre del Lago Puccini si trova poco distante da Viareggio. Un’antica torre oggi scomparsa gli diede il nome, insieme con il compositore Giacomo Puccini, che vi stabilì la propria residenza per molto tempo, in quella che oggi è la villa e il museo Giacomo Puccini. Nella villa oggi trasformata in museo, il maestro soggiornò per quasi trenta anni. Tutt'oggi vi sono conservati documenti e cimeli del grande musicista. L’attrazione principale del paese sono le spiagge di sabbia fine e il mare. Nelle vicinanze si trova anche il lago di Massaciuccoli, dove è possibile fare interessanti escursioni. D’estate poi, Torre del Lago si arricchisce di manifestazioni e spettacoli nell’ambito del "Festival Puccini".

Viareggio

Centro balneare e peschereccio della Versilia, la città di Viareggio si estende per oltre tre km lungo il litorale. Viareggio è considerata la più famosa località della Versilia. Di origine recente, si sviluppò solo dopo la bonifica ottocentesca diventando un’importante centro commerciale e turistico.

Ricche famiglie costruirono nel XVIII e XIX secolo grandi ville, principalmente in stile liberty, sulla passeggiata principale del lungomare, come ad esempio Villa Puccini, Villa Argentina, Villa Crastan Arrighi, Villa Paolina. I più importanti monumenti di Viareggio sono raggruppati sul lungomare che dagli inizi del 1900 ha dato vita allo stile liberty a Viareggio. Da vedere anche: Palazzo Bernardini; Palazzo Belluomini; Palazzo Paolina; Palazzo della Cittadella, divenuto in seguito l’albergo Vittoria. Sul lungomare si trovano anche alberghi storici come il Principe di Piemonte e gli stabilimenti balneari.

Ma Viareggio è famosa soprattutto per il suo Carnevale che, dal 1873, si ripete ogni anno secondo tradizione, con i carri allegorici di cartapesta, che sono vere e proprie opere d’arte.

I Civici Musei di Villa Paolina nacquero nel 1822 ed oggi ospitano periodicamente mostre di diverso genere durante tutto l’anno.

Infine abbiamo Villa Borbone, posta al centro di una grande tenuta, a metà strada da Viareggio e Torre del Lago. Nella cappella mausoleo del Palazzo sono sepolti i sovrani di Lucca ed i loro discendenti.

Lucca e il Parco di Pinocchio a Collodi

Lucca è una città ospitale e ordinata con un'ottima cucina. Le due strade principali della città sono Via Fillungo e San Paolino, ora vie dello shopping e della socialità, che ricalcano gli antichi decumani romani.

Piazza dell'Anfiteatro è una delle piazze più belle d'Italia e riprende l'antico percorso dell'anfiteatro romano. L'accesso alla piazza è costituito da quattro piccole porte e questo dà l'aspetto di "quadrato chiuso". Il punto di intersezione tra le 4 porte è indicato da una piastrella in ceramica al centro della piazza. I negozi, i bar e il mercato settimanale la rendono il cuore di Lucca, un passaggio imperdibile e una sosta per i cittadini e i turisti.

La Cattedrale della città è dedicata a San Martino. Sulla facciata policroma, ispirata al Duomo di Pisa, vi è la statua di San Martino nell'atto di dividere il mantello con un povero uomo. L'interno presenta tre navate e conserva alcune straordinarie opere d'arte.

Lucca è chiamata la "città delle 100 chiese". Dopo la Cattedrale di San Martino, le due più importanti chiese sono quella di San Michele e San Frediano. San Michele si trova nell'omonimo piazzale dove un tempo sorgeva il Foro Romano. Colpisce per la facciata più alta che si estende quattro metri sopra il tetto e sul quale si erge un San Michele Arcangelo nell'atto di uccidere il Drago.

Non ci si rende conto della maestosità delle mura di Lucca finché non si mette il piede su di esse. E’ impressionante l'altezza (12 metri) ma anche la lunghezza di 4 chilometri e la larghezza di 30 metri. La città ha trasformato questo spazio in uno splendido viale alberato dove si può passeggiare, giocare, fare sport, organizzare eventi o semplicemente godersi il bellissimo panorama dei tetti della città.

C'era un tempo, nel Medioevo, quando a Lucca c'erano 250 torri! Oggi ce ne sono solo più due: la Torre Guinigi e la Torre dell'Orologio. La Torre di Guinigi fu costruita nel secolo XV. Ha un'altezza di 45 metri e in cima ha un giardino pensile dove, da secoli, crescono delle belle querce. La loro ombra è ideale, specialmente in estate, per riposarsi dopo la salita dei 230 gradini. La Torre dell'Orologio è una attrazione irresistibile per tutti gli appassionati di meccanismi di misurazione del tempo: installato nel 1754 su un orologio preesistente, funziona ancora oggi con carica manuale e ha il meccanismo a vista. Anche in questo caso si arriva in cima alla torre dopo 207 gradini in legno e la vista da qui è spettacolare, anche perché la torre è ancora più alta di quella del Guinigi.

Piazza Napoleone (Napoleon square) is the largest square in Lucca and stands where the Ducal Palace is located. Today the Ducal Palace hosts the Province of Lucca and the square is a place with shops, bars, restaurants and it is a meeting place.

Piazza Napoleone è la piazza più grande di Lucca e qui si trova il Palazzo Ducale. Oggi il Palazzo Ducale ospita la Provincia di Lucca e la piazza è un luogo di incontro con negozi, bar e ristoranti.

Uno dei prodotti più caratteristici della città è il famoso “buccellato”, ovvero il pane con uva passa. Ideale per uno spuntino durante la visita della città.

Parco di Pinocchio
A Collodi, piccola cittadina a pochi chilometri da Pistoia, è possibile visitare l'originale Parco di Pinocchio. Il parco non è il solito parco divertimenti ma è stato progettato come un parco a tema per l'educazione dei bambini, un luogo dove si ha la sensazione di vivere in una fiaba. È completamente un parco all'aria aperta. Camminando all'interno del parco troviamo i principali protagonisti della fiaba: Pinocchio, la Fata, il Gatto e la Volpe e molti altri personaggi che consentono ai visitatori di ritrovare alcuni degli episodi più significativi della favola. Qui potete passeggiare tra le grandi sculture in bronzo e le varie opere degli artisti che hanno lavorato per il parco dal 1956, anno dell'apertura del giardino. È molto bello anche il piccolo labirinto in edera. Dedicato solo ai bambini, troviamo anche i classici cavalli da corsa, laboratori organizzati dal personale, il piccolo teatro delle marionette, la funivia, il castello delle corde, una scacchiera gigante e altri giochi sparsi nel giardino. All'interno del parco c'è anche un bar e una piccola area picnic.