La Dolce Vita Blog
Attività (1) Attrazioni turistiche (4) Cibo e Vino (8) Curiosità (4) Destinazioni (36) Eventi (6) I nostri viaggi (3) Italia (16) Storia (1) Toscana (30) Ville e case vacanza (1)

La viticoltura in Toscana

La viticoltura in Toscana

La viticoltura in Toscana - una tradizione millenaria

La Toscana è una delle regioni vinicole più importanti d'Italia, soprattutto se si considera la qualità dei vini prodotti. Per una buona ragione, i vini toscani come il Chianti, il Brunello di Montalcino o il Vino Nobile di Montepulciano sono tra i più famosi al mondo. La viticoltura ha una tradizione antica in Italia. Le prime viti furono probabilmente piantate intorno al 1000 a.C. dai greci che fondarono le prime basi commerciali nell'Italia meridionale. Dalla Sicilia e dalla Calabria, la vite si diffuse sempre più a nord. Si può supporre che gli etruschi producessero vino in Toscana dal 7° secolo a.C. al più tardi e ne facessero anche commercio. I romani, che sono noti per la loro cultura del vino molto particolare, hanno anche coltivato l'uva qui più tardi. Con il declino dell'impero romano, tuttavia, la viticoltura perse prima la sua importanza.

 

Il Chianti - la prima regione vinicola legalmente definita al mondo

Nel Medioevo, il nobile vitigno era coltivato principalmente intorno ai monasteri. Con l'ascesa della Toscana nel Rinascimento per diventare uno dei centri politici, economici e culturali più importanti d'Europa, anche la viticoltura, la produzione e il commercio del vino conobbero un enorme boom. Così il vino Chianti, che fu menzionato per la prima volta nei documenti all'inizio del XV secolo, divenne un marchio di qualità commercializzato in tutto il mondo nel corso dei secoli XVII e XVIII. Questo successo attrasse anche i imitatori , così che nel 1716 Cosimo III, Granduca di Toscana, emise un decreto che definiva i confini geografici entro i quali veniva coltivato il vero Chianti - fu il primo documento legalmente valido che definiva una regione vinicola.

 

Un nuovo inizio negli anni '60

La proprietà e le conseguenti strutture di produzione del vino in Toscana rimasero essenzialmente intatte fino a dopo la seconda guerra mondiale. Tuttavia, i viticoltori toscani sono rimasti indietro rispetto ad altre regioni vinicole emergenti di altri paesi, perché non si sono concretizzati gli investimenti necessari per mantenere la qualità dei vini. Nel corso della rivoluzione vinicola italiana degli anni '60, anche la Toscana si è risvegliata dal suo sonno e si è sviluppata nella regione vinicola più dinamica d'Italia. Non solo i vini tradizionali riacquistarono qualità, ma a partire dagli anni '80 furono creati "nuovi" vini rossi, alcuni dei quali eccezionali, i cosiddetti Super Tuscans, che ebbero anche un grande successo commerciale.

 

Condizioni ideali per il miglior vino

Oggi, l'uva è coltivata su circa 64.000 ettari in Toscana, sia nei dolci paesaggi collinari che sulla costa. Le condizioni geologiche e climatiche sono quasi ideali per la viticoltura. Il clima varia da continentale, per esempio nel Chianti, a mediterraneo verso il mare. Molto sole, ma anche abbastanza pioggia e terreni molto diversi (argilla, ardesia, calcare, arenaria, ecc.) fanno sì che in Toscana si producano vini eccellenti e sfaccettati. In termini di quantità, questo ammonta a circa 2,5 - 3 milioni di ettolitri all'anno, con i vini rossi che rappresentano la maggioranza. Per esempio, si producono un milione di ettolitri di Chianti all'anno. Il vitigno rosso dominante è il Sangiovese, che è usato in varie varianti nella maggior parte dei vini di qualità in larga misura o addirittura al 100%. Nella regione costiera della Maremma, invece, sono più popolari i vitigni francesi come il Cabernet Sauvignon e il Merlot. I vini bianchi sono chiaramente sottorappresentati in Toscana, ma ce ne sono anche di buoni, come i vini bianchi di San Gimignano fatti dal vitigno Vernaccia o dal Vermentino, che viene coltivato principalmente sulla costa.

 

Suggerimenti per case vacanza e ville