Articoli per Città

  

Mare della Versilia

Forte dei Marmi

Forte dei Marmi è uno dei luoghi simbolo di tutta la Toscana. Il suo territorio si estende per 9 kmq e confina con il comune di Pietrasanta ed è una rinomata località di villeggiatura. In particolare, Forte dei Marmi è legato al turismo mondano che dall’Ottocento contribuì fortemente al suo sviluppo come località di divertimento.

Di fondazione recente, la città iniziò a popolarsi grazie al commercio del marmo nel XVI secolo, quando Papa Leone X incaricò a Michelangelo la costruzione di una strada per il trasporto del marmo dalle Apuane fino al mare. Nel 1788 venne costruito il Forte da cui la città prende il nome. Simbolo della città, “Il Fortino” fu costruito da Leopoldo I per proteggere l’area e promuoverne l’insediamento urbano. All’inizio il Fortino fu utilizzato anche come rimessa dei pregiati marmi provenienti dalle Apuane ed in attesa di imbarco. Oggi è il monumento più importante, posto al centro del paese e sede del Museo della Satira e della Caricatura, istituzione unica nel suo genere. Il museo rappresenta a livello mondiale un centro di raccolta e studio sulla satira e la caricatura. La collezione comprende disegni originali, una biblioteca, una videoteca ed un archivio multimediale.

Altra attrazione della città, nei pressi della spiaggia, è inoltre il Pontile, usato in passato per il carico e scarico dei blocchi di marmo: costruito in cemento armato e lungo 275 metri, oggi offre uno scorcio inusuale della terraferma, con un panorama che abbraccia la costa da Massa a Viareggio.

Interessante anche il municipio di Forte dei Marmi, in Piazza Dante: una struttura dell’epoca fascista, caratterizzata da una tipica forma a "M", in onore di Mussolini; di fronte si trova un bel giardino all’italiana nel parco della Rimembranza. Risale invece agli anni venti del secolo scorso la chiesa dedicata a San Francesco affacciata sulla piazza principale.

In giro per la città ci sono anche diverse statue e monumenti, come alcune sculture di Arturo Dazzi. In via Matteo Civitali, troviamo poi il Museo d’arte Ugo Guidi, con circa 600 tra sculture, disegni e tempere.

Ma Forte dei Marmi è famosa anche per lo shopping di lusso: tra Piazza Garibaldi, Via Roma, Via Mazzini e Piazza Dante, vi è infatti un’ampia scelta di negozi che propongono lei migliori marche italiane e straniere, dall’abbigliamento ai gioielli, dagli accessori alle calzature. A questo si associa anche una vita notturna movimentata e mondana, con la più famosa e rinomata discoteca d’Italia, la Capannina, inaugurata nel 1929 e ancora in attività.

Da vedere anche il quartiere “Roma Imperiale”, con le sue antiche Ville nobiliari, fra le quali Villa Agnelli, Villa Antonietta e Casa Mann Borghese. A Vittoria Apuana si trova invece Villa Bertelli, una delle più apprezzate attrazioni di Forte dei Marmi. Costruita a fine Ottocento come sede di una società che produceva mine esplodenti per uso bellico, venne convertita in albergo alla fine degli anni '20, chiudendo poi nel 1971. Dopo decenni di abbandono, l'edificio è stato acquisito dal comune di Forte dei Marmi che, dopo averlo restaurato, l’ha aperta al pubblico.

  Leggi Altro

  

Centro di Forte dei Marmi

L'indipendenza di Forte dei Marmi

Il 26 Aprile 2014, Forte dei Marmi, ha festeggiato i suoi 100 anni come comune autonomo della Versilia.
Cento anni fa, un piccolo borgo di poche centinaia di abitanti, si staccò dal Comune di Pietrasanta per motivi gestionali ed economici.
Infatti, l’antica Forte dei Marmi, era considerata come area secondaria e non molto curata dalla città di Pietrasanta di allora. Infatti il comune si occupava di pulire e tenere in ordine le proprie spiagge ed i propri possedimenti, il Forte invece doveva essere curata da Seravezza visto che era di fronte ad essa.
Nonostante la mancata cura del “Forte”, il comune in ogni caso voleva riscuotere le proprie tasse dai cittadini di questo piccolo borgo.
I futuri padri fondatori a questo punto si infuriarono e decisero di firmare una petizione riuniti nella ancora odierna Piazza Garibaldi. Le firme furono 288 e così iniziò la breve e veloce corsa indipendenza fortemarmina.

Un politico lucchese, l'Onorevole Montauti, promise ai cittadini di Forte dei Marmi di presentare un progetto di legge per rendere il Forte autonomo una volta che sarebbe stato rieletto.

Montauti, una volta riconfermato, presentò subito la legge al governo, che in circa 2 mesi venne approvata.

Il 26 Aprile 1914, il Rè, proclamò l’indipendenza del Forte.

Da questo momento iniziò l’ascesa del Forte. L’economia, grazie al marmo, iniziò a cresce e a regalare il benestare dei suoi cittadini. Successivamente arrivarono i VIP, aprirono tutti i locali famosi della Versilia che tutt’oggi ancora esistono e quindi si scatenarono tutti gli eventi che hanno portato Forte dei Marmi a quello che è oggi. Un’icona della costa versiliese.

Festeggiamenti del centenario


Il 26 Aprile 2014 la città era in festa con mercatini e fuochi d’artificio.


L’evento clou il 15 Giugno 2014:


Forte dei Marmi ospiterà le Frecce Tricolori sui cieli del suo Lungomare per festeggiare questo centenario. Un evento più unico che raro in Versilia, che ospita spesse gli acrobati dell'aeronautica militare. A questo evento vi consiglio di essere presenti, magari prenotando una delle nostre case vacanza in Versilia.

  Leggi Altro